A Vieri non basta il risarcimento, si rivolgerà alla giustizia sportiva | JMania

A Vieri non basta il risarcimento, si rivolgerà alla giustizia sportiva

A Vieri non basta il risarcimento, si rivolgerà alla giustizia sportiva

“Non mi fermo al milione”. Bobo Vieri, secondo quanto scrive oggi ‘La Stampa’, non si fermerà al risarcimento di un milione di euro (più interessi) che Inter e Telecom dovranno versargli in seguito all’accertamento dell’attività di spionaggio che l’ex attaccante avrebbe subito quando giocava nel club nerazzurro. A stabilirlo è la sentenza di ieri della …

“Non mi fermo al milione”. Bobo Vieri, secondo quanto scrive oggi ‘La Stampa’, non si fermerà al risarcimento di un milione di euro (più interessi) che Inter e Telecom dovranno versargli in seguito all’accertamento dell’attività di spionaggio che l’ex attaccante avrebbe subito quando giocava nel club nerazzurro. A stabilirlo è la sentenza di ieri della decima sezione civile del tribunale di Milano: 007 di Telecom  avrebbero agito tra il 2001 e il 2002 e nel 2004 controllando Bobo Vieri per sette mesi di fila, 24 ore su 24, oltre che acquisito illecitamente i suoi tabulati telefonici. Come dicevamo, dunque, la battaglia dell’ex centravanti contro l’Inter non sarebbe finita, poiché Vieri sarebbe pronto tramite i suoi legali a rivolgersi alla giustizia sportiva. “La nostra intenzione è senza dubbio questa – ha detto l’avvocato Buongiorno che cura gli interessi dell’ex attaccante nerazzurro – La sentenza del tribunale di Milano ci ha dato chiaramente ragione, confermando la nostra ricostruzione dei fatti: la utilizzeremo al più presto per sollecitare un provvedimento del giudice sportivo a carico dell’Inter”.

Secondo quanto sostiene l’accusa,  il fascicolo riguardante l’ex bomber sarebbe stato compilato dall’investigatore privato Emanuele Cipriani, dietro incarico diretto della società nerazzurra. L’ex security manager di Telecom, Giuliano Tavaroli, nel corso di un interrogatorio del 2006 raccontò infatti di essere stato contattato dalla segreteria di Tronchetti Provera: “Guardi, la cercherà il dottor Moratti; ha bisogno di una mano; le chiederà una consulenza, tra virgolette”, gli sarebbe stato detto. Visto che Moratti era preoccupato per le condizioni non eccelse del suo attaccante, avrebbe chiesto a Tavaroli di aiutarlo. “Allora – raccontò Tavaroli agli inquirenti – feci il transito dell’esigenza fra Inter e Cipriani, che svolse la pratica e venne pagato autonomamente dall’Inter”.  

6 commenti

  1. prescritti vergogna mondiale!

  2. e guardate anche su wikipedia chi è Ferruccio MAZZOLA……………

  3. Cosimo_fino alla fine

    “Secondo quanto sostiene l’accusa” è la dicitura scelta dal redattore. Ma ormai sarebbe più giusto dire “Secondo quanto sostiene un Tribunale della Repubblica Italiana” e non già solo l’accusa.
    Giusto per non ricadere anche noi nei condizionali e nelle smussature che la stampa di regime utilizza non appena si parla del nerazzurro

  4. brutti prescritti di me..a , grazie ai vs. amici petrucci, abete, palazzi e la rosa(giornale di me..a), anche stavolta ne uscirete con la solita storiella che ormai è tutto caduto in prescrizione. Ma prima o poi qualcuno ve la farà pagare, brutti figli di pu….a.

  5. Diranno che lo hanno fatto per un calcio pulito e onesto.
    Gli interisti, con Zeman, con la gazzetta rosa e con tutti gli altri onesti, cercheranno di rivoltare la frittata e trovare un capro espiatorio che non sia l’inter.
    La condanna per l’inter è segno di buon inizio della giustizia!
    Il risarcimento non scalfisce le casse dell’inter, ma la condanna è il primo passo per poter sperare in una giustizia GIUSTA.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi